Camerun: dietro il fenomeno dei profanatori di tombe

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Tre borsoni contenenti le ossa di scheletri umani completi erano il bottino di tre presunti trafficanti fermati dalle forze di sicurezza del Camerun lo scorso 9 marzo. L’episodio, di cui ha dato notizia il sito SputnikNews, è solo l’ultimo di una serie di eventi che hanno per protagonisti profanatori di tombe e agenti di una probabile rete di traffico illecito di resti umani. Lo scorso 13 gennaio, gli agenti di Meiganga avevano arrestato sei individui, tutti giovani, per profanazione del cimitero di Pitoa e traffico di ossa, nella regione della Adamaoua. Sempre a gennaio, nell’estremo nord, secondo ActuCameroun, il cimitero di Gobo è stato profanato ben due volte di fila. Nel gennaio del 2020, a Yaoundé, erano stati arrestati di due uomini trovati in possesso di 14 ossa di scheletri umani. Nel luglio del 2015, era stata un’intera banda ad essere arrestata con 110 ossa umane fra le mani.

Secondo fonti locali, il fenomeno si sta ampliando in Camerun, in particolare nella regione occidentale. Lo scorso luglio, il governatore dell’Ovest, Awa Fonka Augustine, ha chiesto alle autorità amministrative, ai magistrati municipali, ai capi tradizionali e alle forze dell’ordine della sua unità di comando “di prendere le misure appropriate per porre fine a questo fenomeno”.

Le persone arrestate raccontano che in cambio delle ossa esistono retribuzioni molto elevate. A ottobre, quattro persone arrestate hanno raccontato che intendevano vendere un intero scheletro per l’equivalente di 23.000 euro. Una somma colossale per la maggior parte degli abitanti del Camerun.

Intervistato da Sputnik, il professor Herman Nyeck Liport, un parapsicologo stabilito a Douala, specialista del paranormale, ha spiegato che le ossa sono utilizzate per scopi esoterici o per la medicina tradizionale. “Sono principalmente gli ingredienti usati per le pratiche occulte. Il motivo è che in molte tradizioni locali, le persone credono che le ossa umane conferiscano un certo potere e tutto ciò che dà potere attrae gli uomini” dice Liport. Per questi praticanti di magia, “l’osso umano è dotato di vibrazioni che possono agire positivamente o negativamente sugli altri”.

Per il sociologo, Edmond Mballa, insegnante in un istituto privato superiore in Camerun, il fenomeno è sintomatico della profanazione dei valori nella società: “Dobbiamo comprendere questo fenomeno collocandolo nella società globale del Camerun”, ha detto a Sputnik. Una società, “attraversata da uno stato di anomia che spinge alcune persone a tentare qualunque cosa per sopravvivere. Il fine giustifica i mezzi, dicono”.

Con l’escalation della macabra pratica, non è raro vedere alcune famiglie organizzarsi per fare la guardia alle tombe per settimane dopo la sepoltura. Altri ritengono che siano necessarie tombe più profonde e di prevedere una sorveglianza per la sicurezza dei cimiteri. 

(Céline Camoin)

Condividi

Altre letture correlate: