African Fabbers School, il design diventa africano

di Enrico Casale
African Fabbers School
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Un mix di tecnologia occidentale e di cultura tradizionale: è questo l’African Fabbers Schools, scuola che ha trovato sede a Douala, nel Camerun, dopo aver viaggiato in numerosi Paesi africani (Marocco, Ghana, Mali, Burkina faso e Senegal) per più di 10 anni.

«L’African Fabbers School (Afs) – ha spiegato alla rivista “Domus” il direttore Paolo Cascone – nasce dalla scarsità di scuole di design e architettura in Africa e dall’assenza di programmi di ricerca europei su queste tematiche. Parlo di progetti che vadano oltre la retorica tipica delle iniziative umanitarie e di cooperazione vecchio stampo. Afs è il primo laboratorio di fabbricazione digitale per l’architettura e il design in Africa».

Secondo gli ideatori del progetto, è necessario rispondere alla continua crescita dell’Africa attraverso nuovi processi culturali e produttivi in grado di intercettare le esigenze locali. «La ricchezza di questo progetto – ha continuato Cascone – sta nell’aver creato una rete fatta di ponti culturali tra Europa e Africa: istituzioni locali e biennali d’arte, università prestigiose e cooperative di artigiani, ong, fondazioni private e singoli individui interessati al progetto. I nostri interlocutori principali sono piccoli artigiani o giovani che vorrebbero studiare design e architettura, ma abbiamo anche richieste di studenti e ricercatori europei che vorrebbero sviluppare le loro ricerche da noi.
È programma educativo pensato per generare piccole imprenditorialità e immaginare nuove economie circolari. Vogliamo dare una prospettiva a lungo termine per la realizzazione di soluzioni abitative e micro-infrastrutture urbane sostenibili e replicabili».

Negli anni la scuola ha dato vita a iniziative molto diverse: ha realizzato microarchitetture a servizio delle comunità native; ha insegnato agli artigiani ad auto-costruirsi le loro stampanti off grid; ha contribuito ad aprire il primo fab-lab del Senegal in un quartiere di artigiani. Nel 2019 verrà costruito un hub creativo con spazi espositivi, aule studio, ecc. il cantiere vedrà coinvolte imprese e gruppi di studenti che auto-produrranno una serie di componenti grazie al nuovo laboratorio appena installato.

«Allo stesso tempo, dopo aver studiato la ricchissima cultura costruttiva locale – sottolinea Cascone -, abbiamo deciso di cominciare a occuparci di due filiere importanti: la terra (cruda e cotta) e il legno. Il Camerun è uno dei maggiori esportatori di legno per il design italiano ed europeo; qui troviamo anche degli incredibili esempi di architettura di terra battura: le architetture musgum, dalle tipiche forme a catenaria»

Un processo che viene portato avanti anche con le tecnologie digitali di cui le nuove generazioni africane sono sempre più padrone. «La scuola non vive la dicotomia tra manuale e digitale né tra teoria e pratica – conclude Cascone -. C’è piuttosto una continua interazione tra competenze diverse per creare quel valore aggiunto che abbiamo perso nella società occidentale: saper costruire insieme. La manifattura è insita nella cultura popolare di molti africani. La AFS considera la produzione come strumento di indagine antropologica, come pratica in grado di tenere tessuti sociali disagiati facendo di necessità virtù».

Condividi

Altre letture correlate:

X