Italia – Il premier Conte incontra Haftar a Roma

di Enrico Casale
conte e haftar

Nuovo incontro al vertice per dirimere il nodo Libia. Questa mattina, 6 dicembre, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà a Roma il generale libico Khalifa Haftar, comandante dell’Esercito nazionale libico (Lna).

L’uomo forte della Cirenaica è arrivato martedì 4 dicembre in Italia per colloqui, tra gli altri, con David Robinson, ambasciatore statunitense in Tunisia con delega sul dossier libico. Secondo il quotidiano «Il Messaggero», Haftar discuterà con il premier italiano «quasi certamente anche della questione dei migranti».

L’Lna da tempo chiede l’attuazione del memorandum d’intesa firmato il 24 luglio del 2007 dalla Commissione europea e dalla Libia di Muammar Gheddafi che prevedeva, tra le altre cose, l’istituzione di un sistema di sorveglianza integrato lungo le frontiere terrestri libiche, con particolare attenzione alle aree soggette a flussi migratori irregolari. Tobruk, la città della Libia orientale dove ha sede il parlamento libico che appoggia Haftar, chiede inoltre la riattivazione del Protocollo aggiuntivo tecnico operativo di collaborazione tra l’Italia e l’ex Jamahiriya di Gheddafi per fronteggiare il fenomeno della immigrazione clandestina, sottoscritto il 29 dicembre 2007 a Tripoli dall’allora capo della Polizia, Antonio Manganelli.

Haftar si trova in Italia a sole tre settimane dalla conferenza di Palermo per la Libia, dove, a margine dei lavori, aveva incontrato il presidente del Consiglio presidenziale libico, Fayez al Serraj. Il premier libico Sarraj, da parte sua, ha incontrato nella capitale belga il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

«La Nato è pronta ad aiutare la Libia a ricostruire le sue istituzioni di sicurezza e militari», ha detto il numero uno dell’Alleanza Atlantica, secondo l’ufficio stampa del Governo libico di accordo nazionale. «Il coordinamento tra la sicurezza della Libia, le istituzioni militari e la Nato è vitale – ha detto invece Sarraj -, l’esperienza dell’Alleanza nella gestione delle frontiere e nella lotta al terrorismo». In un primo momento si era pensato che Sarraj potesse incontrare Haftar a Roma di rientro da Bruxelles: tuttavia il capo del governo libico riconosciuto dall’Onu si è recato ieri in Kuwait.

Altre letture correlate:

X