Zimbabwe, morti 22 elefanti. Ma non c’entra il bracconaggio

di Diego Fiore
elefanti
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Altri dieci elefanti sono stati trovati morti vicino alla più grande riserva dello Zimbabwe, presumibilmente devastata dai batteri che hanno già ucciso 12 cuccioli di elefante la scorsa settimana. Lo hanno reso noto le autorità preposte alla salvaguardia della fauna selvatica. Le carcasse degli animali sono state scoperte nello stesso luogo degli altri dodici, presso la foresta di Pandamasuwe, vicino al confine con il Botswana e la città di Victoria Falls.

«Ora abbiamo un totale di 22 elefanti morti», ha detto all’Afp il portavoce della Parks and Wildlife Authority, Tinashe Farawo, «abbiamo prelevato campioni per i test, ma sospettiamo che siano morti per la stessa causa dei dodici che sono stati trovati morti la scorsa settimana», ha detto. Secondo i risultati dei primi test effettuati sui dodici cuccioli di elefante morti, gli animali sono stati uccisi dai batteri. Troppo piccoli per raggiungere le foglie in cima agli alberi, questi animali potrebbero aver ingerito i batteri pascolando piante velenose, dicono i funzionari del parco. Le guardie forestali avevano inizialmente temuto l’avvelenamento da parte dei bracconieri di questi giovani pachidermi, di età compresa tra 2 e 6 anni. Ma le loro zanne erano intatte e nessun altro animale, compresi gli avvoltoi, era stato colpito.

Lo Zimbabwe ha più di 84.000 elefanti, con una capacità ecologica stimata tra 45.000 e 50.000 individui. Nell’Hwange Park, che ospita tra i 45.000 e i 53.000 elefanti su circa 14.600 chilometri quadrati, molti di loro sono morti di fame e sete negli ultimi anni a causa della sovrappopolazione.  Altri sono stati avvelenati dai bracconieri per il loro avorio, usato per fabbricare bigiotteria e medicine tradizionali in Asia e Medio Oriente. Almeno 300 elefanti sono morti per avvelenamento da cianuro vicino ai punti d’acqua della riserva nel 2013. Nel vicino Botswana, che ospita 130.000 elefanti in libertà, la popolazione più numerosa del mondo, le misteriose morti quest’anno di oltre 300 pachidermi sono state attribuite a tossine naturali.

Altre letture correlate:

X