Tunisia: sette milioni oggi alle urne per eleggere il presidente

di Raffaele Masto

Urne aperte dalle 8 alle 18 oggi in Tunisia per oltre 7 milioni di elettori chiamati a scegliere il successore di Beji Caid Essebsi, morto lo scorso 25 luglio a 92 anni. I risultati preliminati delle elezioni presidenziali anticipate, previste inizialmente per il 17 novembre, saranno invece illustrati martedì dall’Autorità indipendente per le elezioni.

Venerdì i candidati hanno terminato le loro campagne. Il voto all’estero è invece iniziato giovedì: i primi ad andare alle urne sono stati i tunisini in Australia, mentre gli ultimi saranno quelli che vivono a San Francisco. Ventisei i candidati che aspirano alla presidenza, tra cui esponenti di sinistra, islamici e simpatizzanti del deposto regime di Ben Ali.

In lizza anche due donne. Per aggiudicarsi il primo turno è necessario conquistare almeno il 50 per cento dei voti, altrimenti si procede con il ballottaggio che si terrà al più tardi il 3 novembre. La Costituzione prevede che il candidato alla presidenza debba aver compiuto 35 anni e che sia musulmano. E’ la seconda volta che i tunisini sono chiamati a eleggere il loro presidente dopo la Rivoluzione del Gelsomini del 2011. L’incarico è attualmente ricoperto dal vice presidente di Essebsi, Mohamad Ennaceur, che in base alla Costituzione tunisina può restare in carica per 90 giorni, ovvero fino al prossimo 23 ottobre.

Altre letture correlate:

X