Sudafrica | La meraviglia del Blyde River Canyon

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Una vera meraviglia della natura, scavata dalle rapide che si formano alla confluenza dei fiumi Blyde e Treur: stiamo parlando del Blyde River che, con i suoi 26 chilometri di lunghezza e 800 metri di profondità, è il secondo canyon più lungo dell’Africa, preceduto solo dal Fish River della Namibia, lungo 160 chilometri.

Situato in Sudafrica, nella parte settentrionale dei monti Drakensberg, è anche il terzo canyon più grande del mondo. Costituito principalmente di pietra arenaria, è stato scavato nel corso dei millenni dai fiumi Blyde e Olifants che hanno dato vita a fori e forme bizzarre.

Fra i luoghi più celebri del canyon ci sono:

The Three Rondavels, formazioni rocciose che ricordano le capanne dei popoli locali (rondavels è il termine afrikaans per “capanna”).

Le Cascate Kadishi Tufa, conosciute come il ‘volto piangente della natura’ a causa della loro forma che ricorda, appunto, un volto ‘piangente’.

The Pinnacle Rock, una roccia orlata di vegetazione che nasce nel cuore della foresta.

The God’s window, da cui, come suggerisce il nome, si gode di un panorama particolarmente suggestivo.

Echo Caves, fra le grotte più antiche del mondo che si estendono per circa 40 km con alcune camere sotterranee di più di 60 m di altezza. Il nome deriva dal suono che emettono le stalattiti quando cadono e che riecheggia anche all’esterno delle cave.

 

Altre letture correlate:

X