Somalia: cattedrale di Mogadiscio

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Foto di Marco Gualazzini.

L’imponente cattedrale di Mogadiscio a brandelli è uno dei simboli forti della rovina della capitale somala avvenuta in seguito alla caduta del dittatore Siad Barre. In stile neogotico normanno, fu consacrata nel 1928 e affidata ai missionari della Consolata, poi ai frati minori. Sul suo sagrato fu ucciso nel 1989 il vescovo Pietro Salvatore Colombo.
Quella della Somalia era tra le capitali più belle d’Africa. Venticinque anni di guerra hanno accumulato macerie e desolazione. Oggi, faticosamente, Mogadiscio rinasce. Ma incompetenza e speculazione edilizia stanno per cancellarne la memoria storica.

Per leggere l’intero reportage, abbonati ad Africa rivista www.africarivista.it/abbonati/

Altre letture correlate:

1 commento

salvatoreeatore 19 Marzo 2020 - 12:54

non si puo fare nessun commento,il gioiello è stato abbattuto e non ritorna,conosco molto ma molto bene la chiesa,ho servito messa e mio padre faceva parte del coro aveva una voce da tenore

Reply

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X