Mozambico – Chi sono gli Shebab?

di Enrico Casale
shebab

Il 20 settembre il Mozambico è stato ancora una volta bersaglio di un attacco islamista. In un villaggio nel nord, dodici persone sono state uccise e altre 14 ferite in un attacco attribuito al gruppo jihadista Shebab. Dalla sua comparsa, quattro anni fa, questo è l’attacco più mortale attribuito alla setta islamista.

Il movimento di Shebab, «giovani» in arabo, si è stabilito nella provincia di Cabo Delgado, nell’estremo nord del Paese, al confine con la Tanzania. Questo movimento, che rivendica una rigida applicazione del Corano, si stima possa contare su diverse centinaia di sostenitori, tra 500 e mille. Sarebbero giovani che si sono radicalizzati a contatto con un imam straniero trasferitosi nella regione.

Il movimento si è progressivamente militarizzato e ha lanciato il suo primo attacco il 5 ottobre 2017, contro una stazione di polizia e una caserma nella città di Mocimboa da Praia. Da allora, ha portato a termine una ventina di attacchi sempre più violenti, l’ultimo dei quali giovedì 20 settembre.

«C’è stato un cambiamento nella strategia – afferma il ricercatore Eric Morier-Genoud della Belfast University in Irlanda del Nord -. Durante il primo attacco, gli aggressori hanno chiarito che non avrebbero fatto del male alla popolazione, che il loro obiettivo erano la polizia e lo stato. Oggi attaccano civili, villaggi, decapitano persone, bruciano villaggi, ecc.».

«È un peggioramento della situazione – continua -. Ma sembra che gli attacchi siano mirati. Uccidono alcune persone, funzionari di partito, che informano la polizia della propria posizione. Gli ultimi attacchi sono significativi perché sembrano aver usato molte più armi rispetto al passato e, soprattutto armi automatiche,  mentre in passato erano principalmente machete. Secondo alcuni testimoni, c’erano anche dei bazooka».

Il gruppo è composto principalmente da mozambicani ma includerebbe anche tanzaniani e somali. Secondo la polizia del Mozambico, alcuni hanno ricevuto addestramento militare in Tanzania e nella Rd Congo.

Secondo Eric Morier-Genoud, questo gruppo ha certamente legami con i militanti islamici nel sud della Tanzania, a causa della sua vicinanza geografica, ma è un’organizzazione nazionale. Per il think tank International Crisis Group (Icg), potrebbero esserci collegamenti tra questo movimento mozambicano e il gruppo islamico somalo con lo stesso nome. In un rapporto pubblicato la scorsa settimana, Icg afferma che i somali di Shebab stanno cercando di creare una rete con i militanti nel sud della Tanzania e del nord del Mozambico, l’unica regione del paese a maggioranza musulmana.

Altre letture correlate:

X