Libia – Immigrazione, Tripoli a Roma: «Inviate navi militari nelle nostre acque»

di Enrico Casale
Immigrazione

La Libia ha chiesto alle autorità italiane un “sostegno tecnico” da svolgersi “in acque libiche” con “unità navali inviate dall’Italia” per “il contrasto del traffico di esseri umani”. Lo ha detto il primo ministro italiano, Paolo Gentiloni, in una dichiarazione alla stampa con il premier libico Fayez al Sarraj, oggi in visita a Palazzo Chigi. “La richiesta delle autorità libiche è attualmente all’esame del nostro ministero della Difesa. Naturalmente le decisioni che prenderemo verranno valutate d’intesa con le autorità libiche ma anche con il Parlamento”, ha detto il capo del governo italiano. Per Gentiloni è “necessario” rispondere positivamente a questa richiesta che “può rappresentare un punto di novità molto rilevante nell’attività di contrasto al traffico di esseri umani in partenza dalla Libia”.
(27/07/2017 Fonte: Agenzia Nova)

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X