Etiopia, cristiani sotto tiro

di Enrico Casale
ortodossi etiopi

La scorsa settimana, i cristiani in Etiopia hanno celebrato la festa del Meskel, commemorando la scoperta della Vera Croce su cui fu crocifisso Gesù Cristo. Quest’anno l’atmosfera non è stata rilassata. I cristiani etiopi hanno espresso preoccupazione per gli attacchi di cui sostengono di essere vittime da tempo.

Secondo un attivista di un’associazione diaspora americano-etiope, una trentina di chiese ortodosse sono state bruciate da luglio 2018. Sacerdoti e civili sono stati uccisi e le persone sfollate con forza. Questi atti hanno avuto luogo in diverse parti del Paese e hanno aumentato il senso di insicurezza tra i cristiani ortodossi.

Il 27 settembre, Meskel Square («Luogo della croce») nella capitale etiope Addis Abeba, il patriarca della Chiesa ortodossa di Tewahedo, Abune Mathias, ha chiesto la fine della violenza. Meskel commemora la scoperta della Vera Croce su cui fu crocifisso Gesù Cristo. Secondo la tradizione, questa scoperta ebbe luogo nel IV secolo d.C. da Sant’Elena, madre dell’imperatore romano Costantino.

I festeggiamenti sono iniziati la sera di venerdì 27 settembre ad Addis Abeba con l’accensione di un grande incendio in piazza Meskel, poi più piccoli in ogni quartiere. Hanno continuato il giorno successivo in famiglia. Secondo la stampa locale, che cita la polizia, 55 persone sono state arrestate a margine di questo festival, tra cui una dozzina per il trasporto di armi affilate.

Nelle ultime settimane, maree umane hanno attraversato le principali città della regione di Amhara per chiedere al governo federale di proteggere i luoghi di culto e punire i trasgressori. Questa paura dei cristiani ha comunque un risvolto politico. Rientrano infatti nella rivalità amhara, legatissima alla tradizione cristiana, e quella oromo, vicina all tradizione animista e musulmana.

All’inizio di settembre, un sacerdote ortodosso oromo ha minacciato uno scisma. Ha chiesto una migliore integrazione degli oromo nella Chiesa, specialmente in termini di linguaggio liturgico. «I desideri di divisione sono distruttivi», ha affermato il patriarca Abune Mathias.

Altre letture correlate:

X