Effetto Covid | Cala il sipario sull’hotel Norfolk

di Diego Fiore
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Lo storico hotel di Nairobi, il Norfolk, ha chiuso i battenti, forse per sempre. La catena alberghiera Fairmont, che ne detiene la proprietà, ha licenziato tutti i dipendenti e saldato i creditori. Insomma, tutto fa pensare che non riapra più, così come l’omonimo lodge nel Masai Mara. È uno dei primi e sicuramente il più eccellente caso di chiusura di una prestigiosa struttura ricettiva della capitale del Kenya. Con questa decisione si archivia un pezzo di storia. Storia letteraria, politica e festaiola per i vip che vi hanno soggiornato.

Ernest Hemingway beveva un gin tonic nel pomeriggio inoltrato, dopo essere tornato dalla caccia nei pressi del Lago Magadi, il futuro presidente americano Theodore Roosevelt invece vi soggiornava dopo essere rientrato dal Monte Kenya, sua meta preferita. Ha resistito all’influenza spagnola, alla guerra per l’indipendenza, ad un attentato terroristico che l’ha mezzo distrutto, ma rischia di sparire per via del Covid-19, come scrive il portale degli italiani in Kenya, malindikenya.net.
Il Norfolk è stato aperto dai coloni britannici nel 1904 e per anni è stato uno dei punti di riferimento per uomini d’affari e avventurieri. Winston Churchill ne apprezzò la cucina, il primo ministro del Regno Unito Neville Chamberlain aveva una suite sempre a disposizione, mentre membri della famiglia reale ai tempi della regina Vittoria adoravano il suo giardino.
In tempi più recenti la troupe del film La mia Africa proprio al Norfolk vi aveva allestito il suo campo per mesi nel 1984 e Maryl Streep aveva stretto amicizia con molti membri dello staff che la chiamavano affettuosamente “Karen”, come la protagonista ed autrice del libro. Il Norfolk è stato anche un importante rifugio dell’ex segretario generale dell’Onu Koffi Annan, chiamato a risolvere la disfida tra Mwai Kibaki e Raila Odinga che aveva portato il Kenya, all’inizio del 2008, sull’orlo della guerra civile. Per citare altri ospiti illustri: Mick Jagger, Madonna, Angelina Jolie, Denzel Washington e Niki Lauda.
Il Norfolk è stato anche teatro del primo attentato terroristico di un certo peso avvenuto in Kenya, il giorno dell’ultimo dell’anno del 1980. Una bomba lanciata da attentatori arabi filo-palestinesi distrusse parzialmente l’hotel ma soprattutto uccise 20 persone tra clienti e membri dello staff.

Altre letture correlate:

X