Sfoglia la rivista online
Menu

Pubblicato il 24 Gen 2018 in Buongiorno Africa, NEWS

E’ morto “Brother Hugh” Masekela, grande jazzista sudafriano anti apartheid

E’ morto “Brother Hugh” Masekela, grande jazzista sudafriano anti apartheid

È morto Hugh Masekela. Un grande musicista sudafricano che non è stato solo una leggenda del Jazz o, come scriveranno in tanti, il padre del jazz sudafricano o ancora un trombettista inimitabile. Masekela è stato un militante anti apartheid, un uomo che ha saputo usare la musica e il suo talento per i diritti umani del suo popolo e per la giustizia.

Era nato nella città di Witbank, in Sudafrica, nel 1939. Era cresciuto tra musica e impegno politico. Il padre, Trevor Huddleston, era un attivista per l’eguaglianza dei diritti in Sudafrica, fu lui a “scoprirlo: a quattordici anni gli mise in mano una tromba e Hugh aveva cominciato subito a suonare con il suo stile inconfondibile e vivacissimo”.

In Sudafrica, negli slum, veniva chiamato “Brother Hugh” perchè aveva condiviso tutte le vicissitudini dei militanti ant apartheid, compreso l’esilio per trent’ anni. Nel 1990 Masekela tornò a casa dopo l’esilio e dopo la liberazione di Nelson Mandela. Su Mandela e la sua liberazione scrisse nel 1986 Bring Him Back Home, un famoso pezzo che anticipava la liberazione del leader antiapartheid.

Masekela aveva 78 anni ed è stato anche il marito di Miriam Makeba. È morto per un cancro alla prostata contro il quale combatteva da dieci anni.

(Raffaele Masto – Buongionro Africa)