BB Style, il brand artigianale di moda handmade afro-italiano

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

La pandemia da covid-19 ha messo a dura prova il settore tessile a livello globale, ma ha anche stimolato diversi settori, compreso quello della moda, a contribuire alla prevenzione del contagio. Proprio da qui nasce la storia della formazione a distanza tra BB Style, Brand artigianale di moda Handmade Afro-italiano  – gestito da Bruno e Sonya, uno stilista e una brand manager italiani di origine togolese – e il Dagoretti Fashion & Design Center, nato nel 2006, con venti ragazze di età compresa tra i 15 e i 18 anni, alcune delle quali giovani madri. Obiettivi: generare reddito e creare posti di lavoro.

Nel 2020 il lavoro di sartoria del Dagoretti Fashion&Design Center – che vede al centro della produzione i colorati indumenti africani, Kanga grazie al coinvolgimento di 25 giovani donne madri di età  compresa dai 18 ai 35 anni – ha richiesto il passaggio alla produzione di dispositivi anti covid. Così, grazie all’identificazione e articolazione di Fondazione Aurora in partnership con Amref Health Africa, è nata la collaborazione con BB Style.

Bruno e Sonya hanno accettato la sfida che da Ferrara li avrebbe portati (virtualmente) in un sobborgo difficile di Nairobi, a Dagoretti. L’obiettivo era riconvertire il lavoro tessile di tutti i giorni nella produzione di mascherine. Farlo tenendo conto dell’ambiente, quindi accantonando l’idea delle mascherine chirurgiche. Mascherine sì, ma zero rifiuti, sicure e fashion realizzate passo a passo attraverso l’assistenza tecnica virtuale dove Sonya e Bruno hanno fornito il loro know-how registrando video che descrivevano i passi per produrre le mascherine riutilizzabili; si sono messi a disposizione sul gruppo whatsapp creato ad hoc per rispondere ad ogni dubbio sull’esecuzione del prodotto.

BBstyle ha condiviso il brand e il design della loro mascherina riutilizzabile Samurai: una mascherina sicura grazie ai suoi tre strati di tessuto, lavabile anche a mano a temperature non elevate e che cerca di rispecchiare anche il contesto africano in cui verrà usata.   Il centro di Dagoretti le ha ribattezzate le D-amurai masks.

I risultati? Questa attività ha permesso, in un momento difficile per il settore tessile, di creare reddito e una ricaduta socio-economica.  Prima della riconversione il centro era riuscito a produrre oltre 45mila mascherine chirurgiche. Una volta iniziata la produzione di mascherine riusabili, da luglio 2020 ad oggi, ne sono state prodotte 4mila, poi distribuite a medici in Kenya e Sud Sudan. Mentre sono state oltre 1500 le tute mediche. Gli ordini per la produzione continuano a crescere e con essi il bisogno di strutturare ancora di più il lavoro sartoriale. Per questo, è stato dato un contributo per l’acquisto di materie prime e una macchina per brandizzare il prodotto.

Oggi, il Dagoretti Fashion & Design Center è  un’impresa sociale che fa parte un grande Hub economico del sobborgo di Dagoretti. Accanto al fashion, l’eccellenza si costruisce sul centro di produzione audiovisiva del Dagoretti Film Center, che ha partecipato con cortometraggi a diversi festival di cinema internazionali.

Una storia che nasce dalla collaborazione tra Fondazione Aurora e Amref Health Africa.

Condividi

Altre letture correlate: