Addis Abeba, attivisti denunciano arresti di massa tra i tigrini

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La polizia etiope avrebbe arrestato centinaia di persone di etnia tigrina ad Addis Abeba da quando le forze del governo federale hanno perso il controllo di Macallè, la capitale del Tigray, il 28 giugno. Lo denuncia l’agenzia Reuters riportando le testimonianze di alcuni avvocati e attivisti dei diritti umani. Si tratterebbe, a loro avviso, di un ulteriore giro di vite contro i tigrini. Le azioni contro la comunità sarebbero iniziate a novembre, quando sono scoppiati i combattimenti tra l’esercito etiope e il Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf) nel Tigray.

Le autorità cittadine di Addis Abeba hanno affermato di aver recentemente chiuso una serie di attività commerciali di proprietà dei tigrini per presunti legami con il Tplf, formazione che il governo di Addis Abeba ha inserito nella lista delle organizzazioni terroristiche. Ma il portavoce della polizia di Addis Abeba, Fasika Fanta, sentito da Reuters, ha detto di non avere informazioni sugli arresti o sulla chiusura di attività. Il portavoce della polizia federale Jeylan Abdi ha dichiarato: “Le persone sono state arrestate per aver commesso reati, nessuno è stato preso di mira a causa dell’etnia”.

Il procuratore generale dell’Etiopia aveva precedentemente affermato che non esiste una politica del governo per “eliminare” i politici del Tigray. Anche se, ha detto, non può escludere che alcuni individui innocenti possano essere coinvolti dagli arresti. I funzionari dell’ufficio del primo ministro, dell’ufficio del procuratore generale e della task force del governo sul Tigray non hanno commentato l’ondata di arresti.

Tesfalem Berhe, un avvocato tigrino, ha dichiarato a Reuters che almeno 104 tigrini sarebbero stati arrestati nelle ultime due settimane ad Addis Abeba e cinque nella città orientale di Dire Dawa. I nomi gli sarebbero stati forniti da colleghi, amici o familiari, e la maggior parte dei detenuti sono proprietari di hotel, commercianti, operatori umanitari, lavoratori giornalieri, negozianti o camerieri. Non ha parlato direttamente con i detenuti e ha detto che non li rappresenta sebbene stesse passando le informazioni a organizzazioni come la Commissione etiope per i diritti umani. “Non compariranno davanti al tribunale entro 48 ore e non sappiamo dove si trovino – ha detto – le loro famiglie e i loro avvocati non possono visitarli”. Gli arresti, secondo l’avvocato, si sono intensificati dopo che i militari si sono ritirati dalla capitale del Tigray, Macallè, e Addis Abeba ha dichiarato il cessate-il-fuoco unilaterale dopo quasi otto mesi di combattimenti.

(Enrico Casale)

Condividi

Altre letture correlate: