13/12/14 – Sudan – Darfur: Corte Onu crimini di guerra ferma inchiesta su Bashir

di Paolo Costantini
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

 

Nuovo fallimento della Corte Penale Internazionale Onu per i crimini di guerra dell’Aja. Dopo aver lasciato cadere le accuse contro il presidente kenyota Uhuru Kenyatta la scorsa settimana, il procuratore della Cpi, la signora Fatou Bensouda, ha annunciato di aver sospeso l’inchiesta per “crimini di guerra” e “crimini contro l’umanita’” commessi in Darfur dal 2003, la martoriata regione occidentale sudanese, per cui il principale inquisito era il presidente Omar el Bashir, al potere da 25, ed incriminato nel 2009, primo caso di un capo di Stato in carica.

Bensouda ha puntato il dito contro il Consiglio di Sicurezza delle Nazione Unite (dove uno dei membri permanenti e’ la Cina, grande alleato di Khartoum) per non aver sostenuto le indagini: “Non ho altra alternativa che congelare le attivita’ investigative in Dafur perche’ ho dovuto spostare le risorse ad altri casi urgenti”, ha dichiarato.

Da parte sua Bashir, in teoria inseguito da un mandato di cattura internazionale dal 2009, ma che ha viaggiato senza problemi in molti Paesi, ha esultato, accusando la Corte dell’Aja di aver cercato in questi anni di “umiliare e soggiogare” il Sudan. (AGI) .

 

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X