Sudan: ancora violenza nel Darfur occidentale, dichiarato stato d’emergenza

di Valentina Milani
ribelli del darfur
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il governo del Sudan ha dichiarato lo stato di emergenza nel Darfur occidentale dopo che almeno 40 persone sono state uccise e 58 ferite in tre giorni di scontri tribali nella capitale el-Geneina.

L’incidente è l’ultimo di una escalation di violenze nella regione del Darfur dalla firma di un accordo di pace alla fine dell’anno scorso e dal ritiro delle forze di pace delle Nazioni Unite. A gennaio, almeno 129 persone sono state uccise e 108.000 sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni dopo scontri tra membri della tribù masalit e tribù arabe.

Negli scontri di questi giorni, secondo quanto riporta un documento delle Nazioni Unite rilanciato da media internazionali, sono state utilizzate armi pesanti e granate. “La città è piena di gente armata e non vediamo una reale presenza militare in grado di proteggere i civili”, ha detto un residente sentito da Reuters.

A ottobre, il governo sudanese di transizione aveva firmato un accordo di pace con alcuni dei gruppi ribelli del Darfur che avevano combattuto la cacciata del presidente Omar al-Bashir. Tuttavia, gli attacchi da parte di membri delle tribù arabe che al-Bashir aveva armato per combattere i ribelli si sono intensificati e gli scontri tribali sono aumentati nella regione. Il contingente militare che era stato stanziato in città per garantire la sicurezza è stato in gran parte ritirato.

Un rapporto delle Nazioni Unite ha rilevato che i gruppi che hanno firmato l’accordo avevano anche iniziato a reclutare combattenti in tutta la regione.

Condividi

Altre letture correlate: