Sud Sudan: mancano fondi, Pam taglia razioni ai rifugiati

di Enrico Casale
sud sudan
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il Programma alimentare mondiale (Pam) ha dichiarato che sta tagliando le razioni di cibo a 700.000 rifugiati e sfollati in Sud Sudan a causa della carenza di fondi. Il rappresentante dell’organizzazione in Sud Sudan, Matthew Hollingworth, ha affermato in un post su Twitter, che, in questi giorni, i rifugiati e gli sfollati inizieranno a ricevere il 50% di una razione completa.

Le risorse a disposizione del Pam in Sud Sudan sono ridotte proprio in un momento in cui i livelli di insicurezza alimentare sono ai massimi e i donatori sono alle prese con l’impatto economico del covid-19.

“Dobbiamo cercare di salvare le vite di coloro che rischiano di affrontare la carestia durante la stagione magra se non ricevono assistenza sufficiente – ha detto Hollingworth -. Il Pam non ha risorse sufficienti per fornire razioni complete a tutti coloro che in Sud Sudan contano sulla nostra assistenza per sopravvivere”.

Il Pam ha affermato di aver urgentemente bisogno di 125 milioni di dollari per le sue operazioni di assistenza alimentare per i prossimi sei mesi per fornire cibo in quantità sufficienti, comprese razioni di cibo più grandi per i rifugiati e gli sfollati.

La situazione è disastrosa in tutto il Paese poiché quasi 7 milioni di persone (il 60% della popolazione) stanno lottando per trovare cibo a sufficienza ogni giorno.

Condividi

Altre letture correlate: