Senegal | Saint-Louis, atmosfera coloniale

di Enrico Casale
Saint Louis Senegal

A Nord del Senegal sorge la vecchia capitale dell’Africa occidentale francese, Saint-Louis. La parte più antica della città ospita decine di palazzi coloniali risalenti a metà Ottocento, ma tutto sembra come esser stato abbandonato in fretta e lasciato in balia di sabbia e salsedine. Pochi edifici sono stati salvati dal tempo e utilizzati come scuole o uffici pubblici, per il resto si respira un’aria di decadenza e di storie passate.

Saint-Louis è una bella signora invecchiata: il tempo ne ha modificato forma e anima in maniera profonda, ma è ancora possibile scorgerne l’antico fascino. Appena arrivati nella parte più vecchia della città si nota l’Hotel de La Poste, vecchio edificio coloniale ora completamente ristrutturato, primo ufficio dell’Aeropostale che permise gli scambi con la Francia. È in questo hotel che alloggiava un giovane Antoine de Saint-Exupery, che con i suoi primi voli copriva la tratta Toulouse-Dakar trasportando la posta dall’Europa all’Africa Occidentale Francese.

Muovendosi da Saint-Louis verso nord, si raggiunge il confine con la Mauritania. Qui sorge il Parco Naturale di Djoudj, dal 1981 dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Siamo alle porte del Sahara, una decina di chilometri distanti dalla costa, ma il caldo comincia a diventare opprimente, lontano dalla brezza dell’oceano. Il Parco di Djoudj si estende per oltre 16.000 ettari e qui il fiume Senegal dà vita ad una miriade di laghi e canali, creando l’habitat perfetto per milioni di uccelli: ogni anno centinaia di diverse specie di volatili terminano qui il loro viaggio migratorio, arrivano dall’Europa e dall’Asia per nidificare tra le acque del Senegal. Percorrendo il fiume in piroga, è possibile osservare un’enorme colonia di pellicani volare sopra la propria testa per poi riposarsi sulla terraferma. Durante il percorso sui canali è meglio aguzzare la vista: anche se non ve ne accorgerete immediatamente, decine di scimmie vi staranno già guardando.
(Mara Scannicchio)

Altre letture correlate:

X