Mauritius – La terra dei sette colori

di Valentina Milani
mauritius

Nell’estremo Sud-ovest delle Mauritius, Paese insulare dell’Oceano Indiano, esiste un luogo che sembra uscito da un libro di fiabe: la regione di Chamarel, meglio conosciuta come ‘la terra dei 7 colori’. Sabbie di sette tinte differenti si sono infatti mescolate dando vita a uno dei paesaggi più suggestivi dell’Africa e a una delle principali attrazioni delle Mauritius.

Si tratta di un’area di circa 7500 m² formata da dune di sabbia nelle quali si intrecciano rosso, marrone, viola, verde, blu, porpora e giallo. Queste differenti tonalità di colore si sono disposte in maniera naturale in diversi strati, creano una surreale colorazione a strisce.

Il momento ideale per visitare le dune arcobaleno è l’alba, quando i colori sono più visibili. Poco distante ci sono spiagge paradisiache e una distilleria di rum.

I colori rosso/antracite e blu/violetto sono dovuti ai due principali elementi chimici presenti nel suolo, ossia ferro e alluminio.

Mauritius è l’isola maggiore di un arcipelago caratterizzata da oltre 330 chilometri di costa bagnati dal meraviglioso Oceano Indiano. Una destinazione di viaggio che offre spiagge dove rilassarsi al sole, fare snorkeling e fare suggestive passeggiate al tramonto. Numerose anche le lagune e le barriere coralline.

Le montagne dell’interno, invece, ospitano il Black River Gorges National Park con foreste pluviali, cascate, sentieri escursionistici e animali come la volpe volante. Nella capitale Port Louis si trovano l’ippodromo di Champs de Mars, la villa coloniale Eureka e il giardino botanico intitolato a Sir Seewoosagur Ramgoolam, risalente al XVIII secolo.

Altre letture correlate:

X