Malawi | Mutharika bocciato dalla Corte. A maggio si rivota

di Pier Maria Mazzola
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Con due rimarchevoli sentenze, la Corte costituzionale del Malawi non solo il 3 febbraio ha dichiarato invalide le elezioni presidenziali del 21 maggio 2019, ma in soli nove giorni ha anche respinto il ricorso in appello presentato dal presidente uscente Peter Mutharika, che aveva accusato la Corte costituzionale di «attentato alla democrazia». La stessa Corte ha inoltre rigettato l’affermazione della Commissione elettorale secondo cui un’altra tornata elettorale sarebbe troppo costosa. «La democrazia è costosa e i diritti dei cittadini sono fondamentali», si legge nella sentenza letta dal giudice Dingiswayo Madise.

Adesso, come informa il sito Malawi24, rilanciato dall’Agenzia Nova, il Parlamento del Malawi ha approvato una legge che fissa al prossimo 19 maggio la nuova data per le elezioni presidenziali. Contestualmente, il Parlamento ha approvato anche una nuova legge elettorale al fine di garantire maggiore democraticità nella composizione della Commissione elettorale.

La sentenza della Corte costituzionale è stata pronunciata su ricorso dei due principali partiti d’opposizione, il Partito del Congresso del Malawi (Mcp) da Lazarus Chakwera, e il Movimento unito per la trasformazione (Utm) di Saulos Chilima, che non avevano riconosciuto l’esito del voto.

Nella foto: il presidente Mutharika

Altre letture correlate:

X