Libia, la Tigre di Bengasi è stata uccisa

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Hanan al-Barasi era un’avvocata impegnata nella difesa dei diritti umani, nemica giurata di Khalifa Haftar e conosciuta, per la sua determinazione e per il suo coraggio, come la Tigre di Bengasi. Ieri è stata uccisa, crivellata a colpi di mitra, da un commando armato a Bouachrine, una delle principali arterie commerciali di Bengasi. Nel frattempo, in Tunisia, si stavano tenendo e si continuano a tenere i negoziati per la pacificazione della Libia. Questa esecuzione efferata, è stato rilevato da più parti, ha scosso l’opinione pubblica e aumentata la distanza tra Tobruk e Tripoli.

Lo scorso anno, per parecchi mesi, Hanan al-Barasi era stata incarcerata a causa delle sue opinioni politiche. Ieri si sono svolte le esequie. Sulla sua stele tombale si legge l’epitaffio “martire della verità”.

Condividi

Altre letture correlate: