Libia, «Chiuderemo tre centri migranti»

di Enrico Casale
centro-detenzione-libia

Il Governo di Tripoli lo aveva annunciato più volte. Ora l’ha fatto. Il ministro dell’Interno, Fathi Bachagha, ha annunciato la chiusura immediata di tre centri di detenzione per i migranti a Ovest del Paese.

Sono quelli di Tajoura, colpito nelle settimane scorse da un raid dell’Esercito nazionale libico guidato dal comandante Khalifa Haftar che ha ucciso 53 persone, Misurata e al Kohms.

Secondo una nota del ministero, i responsabili dei centri sono già stati avvertiti e hanno avviato le procedure per l’espulsione dei migranti.

Dove si recheranno i migranti espulsi? Rimarranno in Libia? Si imbarcheranno verso l’Europa? Difficile dirlo e difficile sapere anche in quali condizioni di salute siano le persone che saranno espulse. Recenti visite di membri di organizzazioni umanitarie hanno messo in evidenza le difficili condizioni di vita nei campi. Molte persone sono malate di Tbc, scabbia, parassitosi varie.

Altre letture correlate:

X