Egitto e sauditi: «Basta ingerenze negli affari dei Paesi arabi»

di Diego Fiore
Lega Araba
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Stando a quanto riporta un comunicato stampa congiunto diffuso ieri, il comitato consultivo saudita-egiziano ha ribadito la sua opposizione verso le ingerenze regionali negli affari interni dei Paesi arabi e i tentativi di destabilizzare la sicurezza e la stabilità della regione. Il comitato ha inoltre rivendicato il ruolo centrale della Lega araba per risolvere la crisi regionale, nel quadro delle normative internazionali vigenti e in base ai principi del diritto internazionale. Nella nota finale pubblicata a margine dell’incontro tra i due Paesi, il comitato politico ha riferito che è fondamentale garantire la sicurezza e la libertà di navigazione nel Golfo, a Bab al-Mandab e nel Mar Rosso, opponendosi a ogni tentativo di ostacolare tale libertà e sottolineando che ciò costituisce una minaccia alla sicurezza e alla stabilità. I sauditi hanno affermato il loro sostegno all’Egitto per il raggiungimento di un accordo tra tutte le parti sulla Grande diga del rinascimento etiope (GERD) in modo da garantire risorse idriche sufficienti al Paese nordafricano e preservare la stabilità nel continente. L’Egitto ha espresso la sua solidarietà al regno dell’Arabia Saudita per tutte le misure intraprese volte a proteggere la sicurezza nazionale, condannando tutti gli attacchi contro il regno e sottolineando che la sua sicurezza e quella della regione del Golfo sono complementari alla sicurezza nazionale egiziana. Le due parti hanno ribadito anche l’importanza di preservare la stabilità e l’integrità territoriale della Libia, respingendo ogni tentativo di ingerenza nei suoi affari interni e di destabilizzazione attraverso il terrorismo e l’estremismo.

Condividi

Altre letture correlate: