Il terrorismo degli al Shabaab arriva anche in Mozambico

di Raffaele Masto
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

L’attacco terrorista avvenuto nel nord del Mozambico, a Capo Delgado, con una decina di decapitati è il più sanguinario avvenuto in questa regione dove il terrorismo jihadista ha fatto la sua comparsa circa sei mesi fa, con una serie di attacchi a caserme di polizia. La formazione che conduce questi attacchi si chiama al Shabaab, tradotto dall’arabo “i giovani”. Lo stesso nome del gruppo nato in Somalia e che opera in questo paese e nel nord del Kenya. Pare che i primi membri del gruppo fossero seguaci di un predicatore keniota ucciso nel 2012. In sostanza la nascita di questa formazione è simile a quella di Boko Haram, in Nigeria. Anche lì il fondatore del gruppo Mohamed Yussuf, era un predicatore estremista religioso e fu ucciso in carcere. Da allora Boko Haram ha cambiato pelle, fino a diventare la formazione sanguinaria che conosciamo oggi.

Questi attacchi in Mozambico puntano a destabilizzare una regione remota ma economicamente cruciale. A Capo Delgado infatti è stato scoperto un immenso giacimento di gas naturale e petrolio sul quale ha già messo le mani ENI che poi ha subappaltato alcuni pozzi agli americani e ai cinesi. Se questo gruppo riuscirà a rallentare o a bloccare le operazioni di sfruttamento di gas e greggio finirà per avere un potere contrattuale enorme.

L’altra questione geo-strategica è politica. Le autorità vogliono assolutamente scongiurare che si formi un collegamento con gli al Shebaab somali. Se ciò accadesse su tutta la costa orientale dell’Africa ci sarebbe una pesantissima ipoteca terroristica che ha già fatto spopolare i siti turistici del nord del Kenya, come Malindi o, più a sud, di Lamu. In tal caso tutta la costa diverrebbe insicura cancellando praticamente il turismo, con danni gravissimi per i paesi della regione e, al contrario, si tramuterebbe in un grande successo di immagine per il terrorismo di al Sahbaab. Una evoluzione che tutti i paesi della costa – Somalia, Kenya, Tanzania e Mozambico, che vivono anche di turismo – stanno cercando di scongiurare.

Infine non si può non constatare come il terrorismo attacchi ormai anche in regioni insospettabili che hanno popolazioni di religione musulmana particolarmente tolleranti, come il Mozambico, appunto. Oppure non hanno proprio popolazioni musulmane, è il caso della regione dei Grandi Laghi che deve fare i conti con un gruppo jihadista che opera soprattutto in Uganda e nel nord del Congo. La domanda cruciale è la seguente: ma chi investe sul terrorismo? Armi automatiche efficienti, combattenti preparati, esplosivo e gente che sa usarlo costa tanti soldi.

(Raffaele Masto – Buongiorno Africa)

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X