Guinea – Crolla miniera, almeno 17 morti

di Enrico Casale
miniera guinea

«Domenica sera, almeno 17 persone sono morte in una frana in una miniera d’oro nella regione Siguiri (nord-est) in Guinea», ha detto all’Afp il tenente di polizia Marcus, cifra confermata dal deputato locale Alpha Kabinet Doumbouya.

«L’allarme è scattato quando tre persone sono state sepolte in una profonda galleria mineraria di Norassoba. I soccorritori hanno però capito che c’erano altre persone intrappolate nella miniera – ha detto l’ufficiale della gendarmeria – . Il bilancio di 17 morti è però provvisorio poiché secondo gli abitanti del villaggio mancano molti minatori all’appello».

La tragedia è avvenuta verso le ore 20 e gli abitanti del villaggio hanno avuto difficoltà a soccorrere le persone sepolte a causa della mancanza di mezzi, ha detto una testimone. «Abbiamo dovuto interrompere la ricerca e riprendere il lunedì mattina presto ed è (in quel momento) che la gente ha realizzato l’estensione del dramma. Questa frana ha sorpreso tutti perché, a quanto pare, non c’erano segnali di pericolo nella miniera dove si lavora da diversi anni».

In miniere come questa, dove si estrae oro, lavorano molti minatori illegali che provengono da altre regioni della Guinea, ma anche da Mali, Senegal, Burkina Faso, Liberia e Costa d’Avorio. La sola regione di Siguiri ha oltre 20.000 minatori, secondo fonti ufficiali.

La Guinea ha compiuto sforzi per «frenare lo sfruttamento selvaggio delle zone d’oro», compresa l’organizzazione di una giornata nazionale dei minatori voluta dalla presenza del presidente Alpha Condé. Sebbene il sottosuolo del Paese sia pieno di minerali (bauxite, diamanti e oro), la maggior parte della popolazione vive ancora in condizioni di povertà.

Altre letture correlate:

X