Camerun – Commissione elettorale: «Biya ha trionfato»

di Enrico Casale
Ambazonia: è in Camerun la prossima crisi africana

La vittoria di Paul Biya nelle elezioni presidenziali del 7 ottobre scorso sarebbe definitiva. Almeno secondo le cifre fornite della Commissione elettorale. Il conteggio dei voti espressi su tutto il territorio e nella diaspora dà come vincitore il presidente in carica con il 71,28% dei voti contro il 14,23% a Maurice Kamto, candidato del Movimento per la rinascita Camerun (Mrc), e il 6,28% per Cabral Libii, sfidante dell’Unione nazionale per l’integrazione alla solidarietà (Universo).

Queste sono le conclusioni contenute nella relazione inviata il 15 ottobre dalla Commissione al Consiglio costituzionale (che dovrà proclamare il vincitore), dopo tre giorni di esame dei verbali raccolti nel Paese. Un compito arduo per Emile Essombe, il presidente di questa Commissione, e dei suoi membri, a causa di molti «errori materiali» trovati nei verbali.

«Abbiamo notato questi errori in dozzine di seggi elettorali distribuiti principalmente nei dipartimenti di Mvila, Haute-Sanaga, Nyong-e-Kéllé, così come nelle regioni del Nord-Ovest e del Sud-Ovest – spiega a Jeune Afrique Alain Fogue, rappresentante Mrc -. Abbiamo sufficienti prove materiali da presentare per i ricorsi alla Corte costituzionale».

Altre letture correlate:

X