Burkina Faso – Diendéré: «Forza armate complici del golpe»

di Enrico Casale
gilbert diendere

Il generale Gilbert Diendéré ha iniziato a parlare e ha accusato i vertici dell’esercito di essere stati complici del tentato golpe del 2015. Secondo il generale, allora comandante della guardia presidenziale del Burkina Faso, le forze armate avevano deciso di sostenere il colpo di Stato. Ha spiegato che la collaborazione tra i reparti era effettiva. Ha citato, per esempio, la fornitura di un elicottero per il trasporto di attrezzature dal confine ivoriano. Ha sostenuto di aver persino chiesto al Capo dello stato maggiore delle forze armate di proporre i nomi dei membri della futura giunta militare.

Il generale Diendéré ha assicurato che si è sempre mosso con la benedizione dell’intera gerarchia militare. Ha spiegato che i generali erano a conoscenza del testo della proclamazione che è stato corretto proprio in presenza di leader militari e mediatori civili. «Se la gerarchia avesse detto no, mi sarei rifiutato di prendere il potere», ha affermato.

«La gerarchia è stata connivente – ha concluso -. Se fossero stati sorpresi, avrebbero potuto prendere accordi per fermare il golpe. Ma così non è stato e, nelle prime fasi,  lo hanno sostenuto».

Altre letture correlate:

X