Uganda – Kampala accoglierà immigrati africani espulsi da Israele

di Enrico Casale
migranti africani in israele

L’Uganda accoglierà un gruppo di immigrati africani espulsi da Israele. Lo ha annunciato il segretario di Stato ugandese per i rifugiati Musa Ecweru che ha affermato di essere orgoglioso di accogliere questi migranti. Il ministro ha negato che Israele verserà risarcimenti finanziari a Kampala.
Da Israele arriva un «no comment» dalle autorità israeliane. L’intesa con Kampala, però,  toglierà le castagne dal fuoco a Tel Aviv perché eviterà che diverse migliaia di migranti detenuti nel campo di detenzione di Saharonim, nel sud di Israele, siano rilasciate. La Corte Suprema israeliana ha dato tempo fino a domenica al governo per trovare una soluzione al loro caso.

Il trasferimento in Uganda di un gruppo di immigrati non risolve il problema dei richiedenti asilo. In Israele attualmente vivono 38mila immigrati africani, in maggioranza eritrei e sudanesi. All’inizio di questo mese, il premier israeliano Benyamin Netanyahu aveva assicurato che, in base a un accordo con l’Onu, 16.000 migranti sarebbero stati a breve trasferiti nei Paesi occidentali. Ma poche ore dopo la firma, l’intesa è stata cancellata.

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X