Tshala Muana, arrestata e liberata

di Enrico Casale
Tshala Muana
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

La cantante congolese Tshala Muana è stata rilasciata martedì pomeriggio dopo aver trascorso la notte nella prigione dei servizi segreti per aver, secondo le sue dichiarazioni, pubblicato sui social network, un video con la sua nuova canzone Ingratitudine accostandola con immagini al presidente Félix Tshisekedi.

Cantante, ballerina, produttrice e politica congolese, membro del partito dell’ex presidente Joseph Kabila, ha spiegato ai media locali di essere estranea alle accuse. «Quello che è successo – ha dichiarato – è che, appena pubblicato la mia canzone sull’ingratitudine, alcune persone hanno fatto un montaggio con le immagini dell’attuale presidente e hanno postato i video sui social network. È il nostro Capo dello Stato, lo rispetto, è il Presidente della Repubblica».

Sostiene che sporgerà denuncia contro le persone che si ritiene possano aver fatto il montaggio e anche contro coloro da cui ha ricevuto insulti.

Condividi

Altre letture correlate:

X