Sudafrica | Il treno-hotel sospeso sul Kruger

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Una grande novità, per quando si potrà tornare a viaggiare: presumibilmente entro la fine del 2020 dovrebbe essere inaugurato il Kruger Shalati Hotel che, situato in Sudafrica, sarà un capolavoro di albergo. Per gli amanti della natura che desiderano immergersi nel cuore del wild senza rinunciare al confort e sì, anche al lusso.

Ma non è finita: la struttura ricettiva sarà situata su un’antica tratta ferroviaria, sospesa sul ponte Selati, all’interno del Kruger National Park. L’Hotel infatti è stato ricavato in un treno degli anni ’50 fermo su uno storico ponte del più grande parco nazionale del Sudafrica: sospeso a 15 metri di altezza, offrirà anche una piscina, un ristorante e una terrazza panoramica. Il Kruger Shalati doveva essere inaugurato a dicembre 2020 ma con lo scoppio della pandemia non si ancora la data precisa di apertura.

Un’idea che nasce anche dalla voglia di far rivivere un antico itinerario che veniva percorso all’inizio degli anni ’20 e che era stato messo a punto proprio perché permetteva di ammirare le meraviglie del parco, da diverse prospettive ma stando sempre seduti sul treno. I turisti che sceglievano questo percorso, infatti, un tempo dormivano all’interno del treno perché nei dintorni non c’erano alberghi e la sosta avveniva proprio sul ponte. E da qui lo spunto per realizzare il Kruger Shalati: unendo l’innovazione di oggi, dalle architetture di design ai comfort lussuosi, alla bellezza che questo percorso suscitava in passato. E riutilizzando proprio quei vagoni rendendoli unici e bellissimi grazie a un design originale e ricercato.

Il Kruger Hotel metterà a disposizione dei suoi viaggiatori una trentina di stanze con vista mozzafiato: grazie alle ampie pareti in vetro si potranno vedere da lontano leoni, leopardi, rinoceronti, elefanti e bufali.
l Kruger Shalati sorge a cinque ore di auto da Johannesburg, nel cuore di Suzuka, il più grande campo di sosta del Kruger National Park, diventato il primo parco nazionale del Sud Africa nel 1926. Il parco si sviluppa su una superficie di 7.700 miglia quadrate ed è una delle più grandi riserve faunistiche dell’Africa con centinaia di specie animali. www.krugershalati.com

Condividi

Altre letture correlate:

X