Sport – Nuove regole nell’atletica per impedire la fuga di talenti

di Marco Simoncelli

La Federazione internazionale di atletica leggera (IAAF) ha deciso di riformare le norme riguardanti la naturalizzazione degli atleti. L’obiettivo della riforma è quello di frenare la fuga di talenti. Una decisone che potrebbe sicuramente avvantaggiare le nazioni africane, le quali fino ad ora sono state danneggiate con numerosi talenti fuggiti nei paesi del Golfo e in Turchia.

Tra le nuove norme spicca quella sull’età dell’atleta. Quest’ultimo non potrà cambiare nazionalità prima di aver compiuto 20 anni. E anche in caso di cambiamento e naturalizzazione, dovrà pazientare tre anni prima di poter partecipare a campionati internazionali con indosso la sua nuova bandiera.

Le nuove norme stabiliscono inoltre che un atleta non può cambiare nazionalità più di una volta nella sua carriera.

Per armonizzare il quadro normativo e farlo rispettare verrà creata una Commissione ad hoc che veglierà anche sulle responsabilità del paese di accoglienza in termini di diritti di cittadinanza.

Condividi

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.