Mali, l’esercito francese uccide leader di Al-Qaeda

di Diego Fiore
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Le truppe francesi hanno ucciso Bah ag Moussa, leader militare dell’ala nordafricana di Al-Qaeda, nel corso di un’operazione condotta nel nord-est del Mali. Ne ha dato notizia oggi il ministro delle Forze Armate Florence Parly, secondo cui l’ex colonnello dell’esercito maliano, noto anche come Bamoussa Diarra, era il braccio destro di Iyad Ag Ghali, leader del principale gruppo islamista radicale del Mali, Jama’at Nusrat al-Islam wal-Muslimin (JNIM), che ha condotto numerosi attacchi contro soldati e civili in Mali e nel vicino Burkina Faso. 

«Una figura storica per il movimento jihadista del Sahel, Bah ag Moussa è ritenuto responsabile di diversi attacchi contro le forze maliane e internazionali», ha dichiarato Parly in una nota. Moussa, che era presente nella lista dei terroristi ricercati USA, è stato ucciso ieri in un’operazione che ha coinvolto truppe terrestri ed elicotteri. La sua morte arriva dopo una serie di operazioni che hanno visto le truppe francesi eliminare decine di combattenti islamisti nelle ultime settimane. «Si tratta di una vittoria importante nella lotta al terrorismo» ha detto Parly. L’ex potenza coloniale francese ha dispiegato oltre 5.100 soldati nella regione, di cui buona parte è di stanza in Mali per contrastare le attività dei miliziani.

Condividi

Altre letture correlate:

X