Egitto | Giustiziato l’attentatore del consolato

di Enrico Casale
consolato italiano egitto
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

L’Egitto ha giustiziato il terrorista islamico Hisham el-Ashmawy: lo ha reso noto il portavoce dell’esercito Tamer al-Rifai in una dichiarazione che è stata rilanciata in Italia da AnsaMed.info. L’uomo, che era stato catturato nell’ottobre 2018 a Derna, era stato condannato a morte in contumacia anche per l’autobomba che danneggiò il consolato italiano al Cairo nel luglio 2015. Il portavoce ha precisato che el-Ashmawy è stato impiccato.

I principali attacchi e attentati che vengono ascritti a el-Ashmawy sono l’assalto a un posto di blocco desertico di Farafra del luglio 2014 (22 guardie di frontiera uccise) e l’autobomba che uccise il procuratore generale egiziano Hisham Barakat al Cairo nel giugno dell’anno dopo. Almeno stando a quanto ricordò l’anno scorso il sito del quotidiano egiziano El-Shorouk, l’esplosione davanti al consolato d’Italia al Cairo era uno dei tre filoni del processo in cui furono condannati alla pena capitale anche 13 suoi accoliti, di cui 11 contumaci. La condanna in contumacia di Ashmawy risale a tre anni fa.

Nell’attentato dinamitardo compiuto l’11 luglio 2015 all’esterno del Consolato italiano al Cairo era rimasto ucciso un venditore ambulante e ferite una decina di persone, nessuna delle quali italiana. L’attentato era stato subito rivendicato dall’Isis. Da allora il consolato e’ stato ospitato in altra sede, a fianco dell’Ambasciata d’Italia.

Altre letture correlate:

X