Algeria romana… E non solo

di Valentina Milani

Un viaggio a ritroso nel tempo nelle antiche Mauretania e Numidia alla scoperta di due delle province romane d’Africa più belle del Mediterraneo. Tra le verdi montagne dell’Atlante e lungo la costa cristallina del Mediterraneo si nascondono città romane dalla straordinaria bellezza, dove è ancora possibile passeggiare in solitaria tra le rovine. La bianchissima capitale Algeri, con i bei palazzi coloniali sul porto, le animate vie della Casbah con le case imbiancate dalla calce, è arroccata sulla costa del Mediterraneo con una storia antichissima.

Fu fondata da Ercole, ci raccontano gli antichi greci, per poi divenire un ricco porto punico, poi berbero, poi colonia romana e, sotto l’impero ottomano, rifugio dei temibili corsari barbareschi. Ogni impero ha lasciato tracce indelebili nel Paese in straordinari siti archeologici. In Algeria si visitano i luoghi di uomini valorosi che riecheggiano nei ricordi scolastici di ognuno di noi come Siface, Massinissa o il combattivo Giugurta, responsabile di una guerra durata ben otto anni.

La costa e l’interno verdissimi non sorprendono chi rammenta le enormi capacità produttive del “granaio” dell’impero romano, e le rovine di grandi città ne sono testimonianza. Dalla capitale si raggiungono in poche ore i siti archeologici della costa di Tipasa e Cesarea, che conservano splendide ville mosaicate a ridosso delle acque del Mediterraneo. Più nell’interno, sugli altopiani dell’Atlante si possono visitare i siti Unesco di Djemila, “la bella”. Di rara bellezza sono poi le rovine di Timgad, colonia fondata dall’imperatore Traiano nel 100 d.C., e Lambaesis, antica residenza della Legio III Augusta.

Un viaggio in Algeria settentrionale include anche la visita delle porte del Sahara con la Pentapoli Ibadita di Ghardaia, tanto amata da Le Corbusier per l’armonia delle sue architetture immacolate incuneate tra le vie tortuose, sede di uno dei gruppi islamici più antichi e particolari del mondo musulmano.

Kanaga Adventure Tours organizza un viaggio con l’archeologo Stefano Lucchesi dal 23 al 31 Marzo 2019. http://www.kanaga-at.com/k

(Marco Trovato)

Altre letture correlate:

X