Algeria, «Bouteflika si dimetterà entro il 28 aprile»

di Enrico Casale
Abdelaziz Bouteflika

Il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika si dimetterà «entro il 28 aprile prossimo», data della fine del suo mandato, ma prima dovrà prendere «importanti misure per assicurare la continuità del funzionamento delle istituzioni dello Stato durante il periodo di transizione»: lo scrive il sito dell’agenzia ufficiale algerina Aps citando un comunicato della presidenza della Repubblica.

Decisiva per dare una svolta alla crisi politica algerina sembra essere stata, la scorsa settimana, la presa di posizione di un fedelissimo di Bouteflika, il generale Ahmed Gaid Salah, capo dell’Esercito popolare nazionale e viceministro della Difesa.

Questi ha fatto appello all’applicazione dell’articolo 102 della Costituzione, che prevede la destituzione del capo dello Stato per «impedimento fisico all’esercizio delle funzioni».

Va ricordato che, colpito da un ictus nel 2012, Bouteflika non prendeva da anni la parola in pubblico e si muoveva su una sedia a rotelle. Sulla scia delle ampie manifestazioni di protesta iniziate lo scorso 22 febbraio, il presidente algerino aveva dapprima rinviato a tempo indeterminato le elezioni presidenziali inizialmente in programma il 18 aprile, poi ritirato la propria candidatura per un quinto mandato e infine convocato una conferenza nazionale incaricata di riformare la Costituzione. Tuttavia, l’opposizione ha continuato a chiedere che Bouteflika lasciasse il potere entro la scadenza dell’attuale mandato.

Altre letture correlate:

X