Zimbabwe | Parlamentare picchiata e incarcerata

di Enrico Casale
Joana Mamombe
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Tre membri dell’opposizione dello Zimbabwe, che affermano di essere state vittime di torture, sono state accusate di violenza pubblica. I tre, l’onorevole Joana Mamombe e due giovani esponenti dell’Mdc (principale partito di opposizione), sono accusate di aver incitato la violenza pubblica il 13 maggio e di aver infranto le norme sul blocco del coronavirus. Le accuse sono state formulate mentre le tre attiviste rimangono in ospedale in cura per le ferite che sono state loro inferte.

Le tre donne dell’opposizione affermano di essere state rapite dopo la protesta e molestate sessualmente da agenti di pubblica sicurezza. Il governo nega qualsiasi responsabilità e afferma che le accuse sono infondate.

Martedì scorso due giornalisti sono stati arrestati per aver tentato di intervistare i tre.

Altre letture correlate:

X