Ghana, un’app contro la pesca illegale

di Redazione InfoAfrica
navi cinesi pescano illegalmente in Africa occidentale

E’ stata lanciata a Cape Coast, nella Regione Centrale, una nuova applicazione per telefoni cellulari che cerca di supportare la lotta alle attività di pesca illegale in Ghana.

La nuova app, nota come Dase, che significa “prove” in lingua locale, fornirà informazioni rapide sulle attività di pesca illegale in mare.

La app, sviluppata dalla Environmental Justice Foundation (EJF) e da Hen Mpoano, nell’ambito di una iniziativa dell’Unione europea, consiste in un programma semplice e di facile utilizzo per i pescatori che sono tra gli utenti finali.

Tutto ciò che un utente fa in relazione all’uso dell’app per segnalare attività di pesca illegali o danni agli attrezzi da pesca, è scattare una foto della nave con il suo nome o numero di identificazione, mostrando e registrando la posizione.

Il settore marittimo è una fonte primaria di reddito per un centinaio di villaggi costieri e, si stima, oltre due milioni di persone. Tuttavia la popolazione ittica è in forte calo anche a causa di attività illegali non dichiarate e non regolamentate.

[Redazione InfoAfrica]

Condividi

Altre letture correlate: