Etiopia – È pace con i somali dell’Ogaden

di Enrico Casale
onlf

La regione somala dell’Etiopia ha firmato un accordo di disarmo e di reintegro dei membri dell’Ogaden National Liberation Front (Onlf) nelle forze di sicurezza e nell’amministrazione pubblica.

L’Onlf è un’organizzazione che per anni è stata etichettata come movimento terroristico. La nuova politica di distensione avviata dal governo guidato da Abiy Ahmed ha però portato a trattative con i ribelli.

La regione somala e l’Onlf hanno anche concordato di lavorare insieme per porre fine alla povertà diffusa, all’abuso dei diritti umani e alla cattiva amministrazione. Centinaia di somali hanno celebrato l’accordo storico nella capitale dello stato di Jigjiga.

Costituita nel 1984 con l’obiettivo di separare la regione somala dell’Ogaden dall’Etiopia, l’Onlf si descrive come «un’organizzazione di liberazione nazionale che lotta per i diritti del popolo somalo in Ogaden e non ha alcun coinvolgimento nel conflitto sfaccettato della Somalia».

L’Ogaden è quasi interamente popolata da musulmani e somali. La regione ha mantenuto la propria identità e commerciando prevalentemente con Somaliland, Somalia e Medio Oriente piuttosto che con il resto dell’altopiano etiope.

Altre letture correlate:

X