RdCongo: Beni attaccata da ebola e dai ribelli islamisti

di Raffaele Masto
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Nell’est della Repubblica Democratica del Congo almeno 14 persone sono state uccise in un attacco dei ribelli delle Forze Democratiche Alleate contro la città congolese di Beni già colpita dall’epidemia di Ebola.  Oltre ai quattordici morti ci sono stati anche decine di feriti e numerose case sono andate a fuoco. I ribelli hanno effettuato attacchi simultanei nei quartieri Rwenzori e Beu. La popolazione civile ha incolpato le forze di sicurezza locali e le forze di pace delle Nazioni Unite per non aver protetto la città.

Beni, come detto, è anche al centro dell’attuale epidemia di Ebola nell’est del Congo, che ha già ucciso 99 persone. Le Forze Alleate Democratiche sono una formazione nata in Uganda che opera da anni nella regione.

Si calcola che il gruppo sia responsabile della morte di oltre 1.500 persone e 800 rapimenti dal 2014 La particolarità di questa formazione è che è di matrice islamista in una regione a stragrande maggioranza di religione cristiana. In Uganda, Burundi, Ruanda e nel Congo Orientale l’Islam è marginale e di conseguenza si pensa che la formazione faccia uso di miliziani provenienti originariamente da altre regioni. Si sospetta anche che possa contare su appoggi, armi e addestramento su gruppi dell’Islam estranee a questa regione come i miliziani al Shabaab o il denaro di qualche lobby politica o economica dei paesi arabi della penisola arabica. Sospetti che fanno immaginare una strategia più ampia che punta ad islamizzare sempre più ampie regione dell’Africa. In particolare l’est del Congo che, come noto, è ricchissimo di materie prime preziose, tradizionali e non.

(Raffaele Masto – Buongiorno Africa)

Altre letture correlate:

X