Turismo in crisi, hotel di lusso diventa dormitorio per studenti

di Celine Camoin
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Duramente colpito dalla crisi del coronavirus, il settore dell’hospitality cerca vie alternative. Ad Arusha, capitale della Tanzania, uno dei più noti hotel di lusso, il Ngurdoto Mountain Lodge è diventato un residence per studenti.

Quello che era fino allo scorso anno un albergo congressuale a cinque stelle, immerso in una piantagione di caffè, a metà strada tra il monte Kilimangiaro e il monte Meru, da mesi non accoglie più turisti. D’ora in poi sarà la casa degli studenti dell’istituto di gestione contabile di Arusha.

Il rettore dell’istituto di formazione, Eliamani Sedoyeka, ha confermato di aver ottenuto la struttura che potrà accogliere fino a mille giovani. Per l’alloggio, all’anno, ogni studente pagherà 400.000 scellini tanzaniani, circa 142 euro, una somma ritenuta del tutto accettabile.

Secondo il giornale locale The Citizen, il Ngurdoto Mountain Lodge apparteneva a un ricco uomo d’affari, Meleo Mrema, deceduto nell’agosto del 2017 in Sudafrica, lasciando l’hotel in una marea di debiti. La figlia dell’uomo d’affari, Joan Mrema, che ha tenuto le redini della struttura, non ha voluto commentare alla stampa la notizia del passaggio.

Nei mesi scorsi, era uscito sui giornali un invito a proposte d’acquisto per il Ngurdoto e per l’Impala hotel.

Inaugurato nel 2003, il Ngurdoto Lodge aveva ospitato cinque vertici della Comunità dell’Africa orientale.

Condividi

Altre letture correlate: