05/06/13 – Congo – Sospesi quattro giornali indipendenti

di AFRICA

 

Incitazione alla violenza, diffamazione e attentato all’onore di alcune autorità dello Stato: sono le accuse mosse dal Consiglio superiore per la libertà di comunicazione (Cslc) nei confronti di quattro quotidiani indipendenti sospesi per un periodo che va da due a quattro mesi. Il provvedimento restrittivo riguarda ‘L’Observateur’, ‘Talassa’ e ‘Le Trottoir’: le tre testate sono state messe al bando per aver ristampato un articolo sul presunto coinvolgimento dell’attuale presidente Denis Sassou Nguesso nell’uccisione di Marien Ngouabi, un militare che prese il potere nel 1969 e dichiarò il Congo un paese marxista leninista. Ngouabi è stato assassinato da un comando armato nel 1977. Nguesso, uno dei più longevi presidenti africani, è arrivato due anni dopo con un golpe alla guida dello Stato; è rimasto in carica fino al 1992 e dal 1997 in poi, in seguito a una guerra civile. La quarta testata sanzionata, ‘La Glaive’, è stata invece chiusa per non aver attuato alcuni provvedimenti del Cslc.

“Il Consiglio superiore per la libertà di comunicazione si sta focalizzando sulla censura e l’intimidazione invece di svolgere il proprio compito che consiste nel garantire la libertà di stampa. Si tratta di quattro sospensioni arbitrarie che vanno revocato immediatamente” ha commentato l’organizzazione internazionale ‘Reporter senza frontiere’ (Rsf).

Intanto il quotidiano congolese vicino al potere, ‘Les Dépêches de Brazzaville’, che non ha riferito dei provvedimenti restrittivi varati dall’istituzione, annuncia invece il lancio sul territorio nazionale di un controllo amministrativo, finanziario e tecnico di tutte le testate giornalistiche. “Vogliamo risanare il settore dei media per valorizzare i veri professionisti, un lavoro, quello da giornalista, che devono esercitare in modo esclusivo solo quelle persone competenti” ha detto Philippe Mvouo, presidente del Consiglio superiore per la libertà di comunicazione. Gli operatori dei media dovranno essere censiti per ottenere dallo Stato una carta professionale e il Cslc stilerà un elenco di tutte le licenze e frequenze attribuite alla stampa pubblica e privata. – Misna

 

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X