Sudafrica: i nostalgici del Grande Trek

di Valentina Milani
sudafrica boeri

Foto di Wikus De Wet / Afp

Un sudafricano con il tradizionale abito dei voortrekkers (gli europei che presero parte al Grande Trek), si trova all’interno di una kapstyl, tipica abitazione usata dai primi boeri (termine che significa contadino in afrikaans).  Durante la grande marcia i coloni – di origine olandese, tedesca o francese – scapparono dal sempre più crescente controllo dei britannici sulla Colonia del Capo, durante gli anni tra il 1830 e il 1850.

Nei pressi del Blood River Monument, vicino a Dundee nel KwaZulu Natal, ogni anno centinaia di sudafricani celebrano la vittoria dei loro avi contro gli Zulu nella battaglia di Blood River, combattuta il 16 dicembre 1838.

La commemorazione suscita irritazioni di una parte della popolazione nera sudafricana, che considera la manifestazione un affronto alla memoria delle migliaia di indigeni trucidati dai coloni europei nel corso della loro avanzata nei territori dell’Africa meridionale.

Per leggere l’intero servizio, scarica l’ultimo numero di Africa: www.africarivista.it/acquista-copia-singola/

Altre letture correlate:

X