04/04/14 – Burkina Faso: mediazione ivoriana nella crisi politica

di AFRICA
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

 

Dopo il fallimento del tentativo di mediazione interna, il presidente ivoriano, Alassane Ouattara, sta tentando di gettare acqua sul fuoco della crisi politica legata al tentativo del presidente Blaise Compaoré di ricandidarsi un’ennesima volta alla presidenza l’anno prossimo,  sfociata in una spaccatura  all’interno del partito di governo e tra gli alleati.

Nei giorni scorsi, Ouattara ha invitato ad Abidjan i dissidenti del Congresso per la democrazia e il progresso (Cdp), i particolare Roch Marc Christian Kaboré, Salif Diallo e Simon Compaoré, per capire le cause della spaccatura all’interno della maggioranza. Dopo aver parlato anche col presidente Compaoré, Ouattara è incaricato di tentare di trovare un’uscita mediata alla crisi che potrebbe avere conseguenze ‘esplosive’ nel contesto socio-politico burkinabè.

Compaoré è de facto alla guida del Burkina Faso dal 1987, prima come presidente del Fronte popolare del Burkina Faso in seguito all’assassinio di Thomas Sankara – nel quale è stato coinvolto – poi eletto alla presidenza nel 1991, 1998, 2005 e 2010.* Celine Camoin – Atlasweb

 

Condividi

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.