Numero 6 novembre-dicembre 2020 | AFRICA

di AFRICA
Tempo di lettura stimato: 5 minuti

LA COPERTINA

GIOIA E BELLEZZA A KIBERA

Un fotografo cresciuto in uno slum di Nairobi svela al mondo l’inattesa vitalità e creatività che si cela tra fango e lamiere
testo di Marco Trovato – foto di Brian Otieno


ATTUALITÀ
3 – Editoriale. Il coraggio di lottare

di Marco Trovato

4 – Prima pagina
di Angelo Ferrari

5 – Panorama
di Enrico Casale

6 – Africa 2020
Pandemia, violenze, svolte politiche e disastri ambientali: il racconto fotografico di un anno che non dimenticheremo presto
a cura della redazione

14 – Ad Algeri è sempre “Bella Ciao”
L’epidemia ha imposto una tregua alla lotta di Hirak, il movimento popolare che l’anno scorso ha fatto uscire di scena il presidente Bouteflika. La nuova dirigenza del Paese, però, non è affatto “nuova” e intensifica la repressione. Ma Hirak non demorde. Anche se deve guardare anche al proprio interno per scongiurare derive islamiste
di François Misser

20 – Più forti del terrore
Le province del Nord e del Sud Kivu, dilaniate da oltre vent’anni di guerra, sono il territorio con il più alto numero di violenze sessuali al mondo. Le vittime sono spesso bambine. A Bukavu c’è chi si occupa di curarle, proteggerle, restituire loro il sorriso
testo e foto di Marco Trovato

SOCIETÀ
26 – «Dacci oggi la nostra bottiglia quotidiana»
La Gabola Church, guidata da Tsietsi Makiti, vescovo con la passione del gin, battezza con la birra al posto dell’acqua e accoglie a braccia aperte gli alcolizzati. Non chiede loro di redimersi, ma di continuare a bere per facilitare la preghiera
di Marco Trovato

30 – La signora del calcio
Imprenditrice di successo, Isha Johanes è stata la prima donna editrice del suo Paese, la Sierra Leone. Ma quando è salita ai vertici del calcio ha cominciato a subire attacchi di ogni tipo
testo di Aline Diatta – foto di Andrew Esiebo / Panos / Luz

34 – L’Etiopia sedotta dal Maggiolino
La storia della celebre utilitaria, incontrastata icona di stile in tutto il mondo, s’intreccia con quella etiopica dai tempi di Haile Selassie. Oggi ad Addis Abeba ci sono raduni e club dedicati alla celebre Volkswagen. Possederne una è il sogno di molti
testo di Diego Fiore – foto di Eduardo Soteras / Afp

38 – L’africano che ha conquistato il Giappone
Rufin Idossou Zomahoun ha lasciato l’Africa da ragazzino per studiare a Pechino. Ottenuto il diploma in sinologia, si è trasferito in Giappone, dove ha conquistato la popolarità in un modo inaspettato. Il suo successo non è un colpo di fortuna, ma frutto di tenacia, intelligenza e talento
testo di Annika Khumalo – foto di Jérémie Souteyrat / Luz

41 – L’inganno dei filantropi
Bill Gates, Mark Zuckerberg, Warren Buffett… sono tra gli uomini più ricchi del mondo, affermano di voler lottare contro la povertà e far guarire l’Africa dai suoi mali. Un libro-inchiesta appena pubblicato in Italia spiega perché la loro generosità non è affatto disinteressata
a cura della redazione

42 – Tanzania. Coltivare spugne… e speranza
L’innovativa coltura delle spugne marine sull’isola di Zanzibar crea posti di lavoro, promuove lo sviluppo delle comunità costiere e contribuisce alla preservazione dell’habitat, sempre più minacciato dai cambiamenti climatici e dallo sfruttamento intensivo delle acque
testo di Stefania Ragusa – foto di Tommy Trenchard / Panos / Luz

46 – LA COPERTINA – GIOIA E BELLEZZA A KIBERA

Da sette anni il giovane Brian Otieno pubblica ogni giorno sul suo blog straordinarie fotografie di Kibera, la “sua” baraccopoli, mostrando aspetti inediti di un luogo che nell’immaginario collettivo evoca solo brutte immagini
testi di Marco Trovato – foto di Brian Otieno

AMBIENTE
56 – Guerra alle locuste
Nel nord del Kenya, squadre di studiosi e volontari lavorano senza sosta per evitare che la piaga delle locuste torni a danneggiare i prossimi raccolti. Ecco ciò che gli scienziati hanno scoperto sulla calamità che ha afflitto le campagne e cosa si sta facendo per impedire nuove ondate
testo di Angelo Ferrari

64 – Il prezioso frutto delle Seychelles
Ha una forma inusuale, che ricorda i fianchi di una donna. Contiene il seme più grande del mondo e cresce solo su due isole. Il cocco di mare, con le sue origini e proprietà leggendarie, è richiestissimo in Asia. E il mercato illegale ne minaccia l’estinzione
testo di Julien Hoareau

68 – Salviamo le tartarughe marine
Capo Verde, Guinea-Bissau, Senegal, Gabon. Sono alcuni dei Paesi africani visitati ogni anno dalle tartarughe marine, che tornano sempre nelle stesse spiagge per riprodursi. Uno spettacolo straordinario, oggi più che mai minacciato dall’uomo
testo di Irene Fornasiero

CULTURA
74 – Mauritania. Misteriosi e solitari Nemadi
Un tempo vivevano nel deserto cacciando selvaggina e raccogliendo erbe e frutti selvatici. Oggi allevano dromedari. Disprezzati da arabi e berberi, che li considerano selvaggi e inferiori, i Nemadi sono relegati ai margini della società. Ma non hanno smarrito la loro libertà
testo di Elena Dak – foto di John Wessels / Afp

80 – La Mecca dell’islam senegalese
Nel cuore assolato del Senegal c’è un’enclave religiosa, cresciuta a dismisura attorno a una grande moschea, dove lo stato non ha potere e l’unica legge che conta è quella del califfo, capo dei marabutti e massima autorità dei musulmani murid. Qui la vita è scandita da preghiere, lavoro e disciplina assoluta
testo di Stefania Ragusa – foto di Christian Bobst

86 – Fanon, il vero ideologo dell’indipendenza
Psichiatra, antropologo, filosofo e saggista. Frantz Fanon (1925-1961) è stato un uomo di cultura eclettico e profondo, dedito alla lotta anticoloniale dell’Africa
testo di Mario Giro – foto Afp

IN VETRINA

88 – Musica – di Claudio Agostoni

88 – Arte – di Stefania Ragusa

89 – Bazar – di Luciana De Michele

89 – Glamour – di Stefania Ragusa

90 – Libri – di Stefania Ragusa

91 – Grafric Novel – di Roberto Morel

92- Sapori – di Luciana De Michele

93 – Solidarietà – di Valentina G. Milani

94 – Viaggi – di Marco Trovato

96 – Eventi – di Valentina G. Milani

96 – Vado in Africa – di Martino Ghielmi

Condividi

Altre letture correlate: