Ciad, elefanti nel Sahel

di Diego Fiore
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il parco nazionale di Zakouma, creato nel Sud-est del Ciad nel 1963, rappresenta una preziosa oasi naturale nel cuore dell’arida regione saheliana che ha permesso il ripopolamento della fauna locale: elefanti, bufali, antilopi e grandi felini. Ciò che maggiormente contraddistingue l’ecosistema sudano-saheliano di questo particolarissimo parco è l’alternanza della stagione secca e di quella delle piogge. Osservare la grande concentrazione di elefanti intorno alle ultime pozze d’acqua nel mese di aprile, nel momento più caldo della stagione secca, e vedere il parco completamente inondato da giugno a ottobre, durante la stagione delle piogge, potrebbe far pensare a due luoghi diversi: ma è proprio questa caratteristica, unica al mondo, che ha reso possibile la salvaguardia e la conservazione di un ecosistema di cui Zakouma è un santuario senza uguali in tutta l’Africa. Si tratta di un parco nel senso più stretto del termine, dove non si fa del voyeurismo dal tetto di un minibus per osservare gli animali dello zoo, ma dove si scopre, a piedi e in macchina, la natura nella sua essenzialità, senza interferenza dell’attività umana. Gestito da Afrikan Parks, la più grande organizzazione che opera nella natura in Africa, da un decennio Spazi d’Avventura offre un’esperienza fatta di walking safari, game drive notturni e cene nella foresta, ai suoi clienti.

Altre letture correlate:

X