La pacchia, di Bianca Stancanelli

di Diego Fiore
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

«Scrivo di un uomo che non esiste più, di un’ingiustizia che dura», spiega l’autrice. L’uomo è Soumaila Sacko, un giovane proveniente dal Mali, che il 2 giugno del 2018 è stato ucciso con una fucilata alla testa mentre stava raccogliendo lamiere per tirare su una baracca nel ghetto dei braccianti neri, nella piana di Gioia Tauro. Quello stesso giorno, l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini scandisce a un comizio il suo volgare slogan antimmigrati: «La pacchia è finita». Da qui la scelta del titolo.

Stancanelli ricostruisce la storia di Soumaila con ferma umanità e rigore giornalistico, rivelando una realtà drammatica e rimossa che chiama tutti in causa.

Zolfo Editore, 2019, pp. 170, € 16,00

Altre letture correlate:

X