Sfoglia la rivista online
Menu

Solidarietà

A cura di Valentina G. Milani – valentina@africarivista.it

  • Formazione per i giovani a Kinshasa (RDCongo) «Mi piace costruire mobili, perché, oltre che lavorare il legno, so che questo significa plasmare il mio futuro. Ora ne sono certo: voglio diventare un bravo falegname». Tampo Sarive ha 18 anni, tre dei quali ha trascorsi a fare il mendicante. Da un anno, però, è tornato a sorridere grazie a Simba Ngai (in lingua ...
  • Natale: regali e calendari solidali con Amani Natale si avvicina. Per facilitare la ricerca dei regali vi segnaliamo la bottega online di Amani for Africa, dove potete trovare tanti originali articoli che, oltre a far felice chi li riceverà in dono, contribuiranno a sostenere i progetti della Onlus milanese da oltre vent’anni impegnata in Kenya, Zambia e Sudan con progetti riguardanti la ...
  • Kenya: campo di volontariato con i Masai Sono aperte le iscrizioni per partecipare al campo di volontariato organizzato da La Nostra Africa Onlus tra i Masai del Kenya,  dal 26 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018. L’associazione bolognese é impegnata a sostenere alcune comunità di pastori locali per permettere ai bambini di conquistare il diritto allo studio nel tentativo di frenare il ...
  • Shukurani Arts Group: teatro in Tanzania Acrobazie, spettacoli teatrali, commedie e danze tradizionali sono le principali attività svolte dal Shukurani Arts Group: un gruppo artistico composto da una quindicina di ex ragazzi di strada vittime di abusi e sfruttamento che oggi vivono nella casa accoglienza gestita da Kisedet, associazione impegnata a sostenere bambini orfani, disabili o provenienti da contesti di estrema ...
  • Maison Shalom in Burundi e Ruanda Marguerite Barankitse è un’attivista che sta cercando di richiamare l’attenzione di media e politici sulla drammatica situazione in cui versa il Burundi dove violazioni dei diritti umani e repressione sono all’ordine del giorno da quando, nel luglio del 2015, il presidente Pierre Nkurunziza ha violato la Costituzione impossessandosi per la terza volta del potere. Maggie, come ...
  • Ruanda, per non dimenticare il genocidio Ruanda, primavera 1994: in meno di cento giorni, un milione di persone – in gran parte di etnia tutsi, ma anche Hutu moderati – vengono massacrate con machete, armi da fuoco, bastoni chiodati, in uno dei più sanguinosi episodi della storia dell’Africa del XX secolo. Per non scordare quanto successo, un gruppo di ruandesi che vivono ...
  • Sudafrica, raccolta differenziata Per far fronte all’emergenza rifiuti nelle township, Oxfam Italia ha messo a punto un progetto-pilota che promuove la raccolta differenziata tra le baracche di Tembisa, nei pressi di Johannesburg. Avviata in collaborazione con la municipalità di Ekurhuleni, l’iniziativa dà lavoro a un centinaio di donne della township che, armate di ramazze e bidoni, si occupano ...
  • Malayaka House, casa-famiglia in Uganda Situata a Entebbe, sulle rive del Lago Vittoria, Malayaka House non è solo una casa-famiglia: è anche un centro formativo dove ragazzi e ragazze meno fortunati possono imparare un mestiere prezioso per il futuro. Numerosi i corsi professionali attivati: cucito, produzione di formaggio, creazione di gioielli, agricoltura, zootecnia, ristorazione e lavoro di segreteria. La struttura, ...
  • Biciclette di bambù dal Ghana La Ghana Bamboo Bikes Initiatives è un’impresa sociale con sede a Kumasi, che ha già creato un centinaio di posti di lavoro grazie alla produzione e alla vendita di biciclette in bambù: leggerissime, resistenti, 100% ecologiche. Per ogni pianta utilizzata nella lavorazione, i soci lavoratori s’impegnano a piantarne dieci nuove. Così si tutela l’ambiente e si ...
  • Protezione dell’ambiente in Madagascar In Madagascar la grande biodiversità della flora e della fauna contribuisce a fare del Paese una delle principali mete turistiche a livello internazionale. L’equilibrio ambientale è però molto fragile: le misure di protezione della natura e degli animali attuate dal governo non sono soddisfacenti. In questo contesto opera Fanamby (“sfida” in malgascio), un’organizzazione non governativa fondata ...
  • Sport nelle baraccopoli The Small Now è un’associazione che utilizza lo sport per combattere l’emarginazione sociale e promuovere lo sviluppo delle comunità locali. In Kenya ha promosso la realizzazione di un centro sportivo polifunzionale nella baraccopoli di Mathare, uno dei peggiori slum di Nairobi, per permettere ai ragazzi di incontrarsi e muoversi liberamente. La Onlus è attiva anche in ...
  • Sviluppo camerunese Una decina di anni fa, un gruppo di giovani camerunesi diede vita alla WebDev Foundation (Web and Development), con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita delle comunità del loro Paese. Da allora l’associazione ha promosso numerosi progetti in diversi ambiti di intervento: corsi di lingua inglese e cinese (gli idiomi più parlati al mondo), sensibilizzazione ...
  • Liberia, orfani di ebola Suor Anna Rita, suor Annella, suor Eugenia e suor Clotilde sono le infaticabili Missionarie della Consolata operative da circa cinquant’anni in Liberia. Per lungo tempo impegnate in un lebbrosario nel nord del Paese, oggi sono divise in due missioni: nelle cittadine di Buchanan (dove gestiscono una scuola frequentata da oltre mille bambini) e di Harbel ...
  • Amici del Sudan Migliorare le condizioni di vita del popolo sudanese rendendolo protagonista assoluto dei progetti di sviluppo: è l’obiettivo di Amici del Sudan Onlus, organizzazione attiva dal 2008 nel Paese-cerniera tra mondo arabo e Africa nera. Numerosi gli interventi già realizzati in ambito sanitario, culturale e ambientale. Da segnalare, in particolare, l’ampliamento della scuola “Tarabil”, frequentata da ragazzi ...
  • Sostegno a distanza in Costa d’Avorio «Per riuscire a pagare la scuola ai miei figli ho trovato impiego come governante presso una famiglia benestante di Abidjan: lavoro dodici ore al giorno, cui vanno aggiunte altre due di cammino. Non prendo il bus per risparmiare». Le parole di Françoise fanno perfettamente comprendere la situazione che lei e tante altre donne vivono nella baraccopoli ...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: