“Silent Matters”, un corso online dedicato alle materie prime

di claudia
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Le materie prime, essenziali per lo sviluppo delle nostre società, sono da sempre al centro di una lotta per il loro controllo. Per comprendere quei meccanismi internazionali che regolano la loro produzione e gli scambi nel mondo, il Centro Studi Amistedes propone un corso online organizzato per moduli, dedicato all’approfondimento di queste tematiche.

A partire dal 21 giugno 2021, il centro studi Amistades lancia un corso dedicato alle materie prime, dal titolo “Silent Matters”. La formazione è un’occasione per conoscere e comprendere l’importanza che quest’ultime ricoprono a livello economico, geopolitico e internazionale.

Il corso sarà articolato su più moduli e si avvale della partecipazione dei docenti del Centro Studi Amistades e professionisti come Philippe Chalmin e Yves Jègourel, presidente fondatore e direttore di CyclOpe. (il principale istituto di ricerca europeo sui mercati delle materie prime), Alessandro Giraudo, economista e autore del libro “Storie straordinarie delle materie prime”, Valerie Eve Plagnol, presidente del Cercle des Epargnants e Alto Consigliere delle finanze pubbliche francese, Salim Zitouni, Head of MENA, West Africa & Indian Subcontinent | White & Raw Sugar Trading, Bernard Attali, Presidente di Gouvernance & Valeurs Jean-François Di Meglio, Presidente del Centre Asia.

Essenziali per lo sviluppo delle nostre società, le materie prime hanno portato alla nascita di imperi e alimentato guerre sanguinose. Il loro mercato richiama l’attenzione del mondo, da scienziati ed esploratori, mercanti, spie e contrabbandieri, banchieri e governanti. Una lotta continua e silenziosa cominciata nei tempi antichi e presente nei nostri giorni.

Silent Matters” si rivolge a un target ampio: da studenti e neolaureati che vogliono conoscere meglio il mestiere del commerciante di materie prime, ad appassionati e curiosi che vogliono saperne di più su quei meccanismi internazionali che si basano sulla produzione e lo scambio di materie prime. Dopo il primo modulo introduttivo il corso si soffermerà sui metalli antichi, come l’oro e quelli più moderni come il tungsteno che ha cambiato le sorti di numerose guerre. Si arriverà infine a trattare i nuovi metalli che compongono oggetti di uso quotidiano da cui ad oggi dipendiamo, come le terre rare che alimentano i nostri telefoni. Il modulo “Cereali e coloniali“, sarà utile per comprendere chi decide quanto costa il cibo che arriva continuamente sulle nostre tavole. Verrà anche approfondita la complicata relazione tra ambiente ed energia, con un focus sulla geopolitica dell’acqua e il suo paradosso di essere al contempo fonte di vita e ragione di guerra. Oggetto di analisi saranno infine il cotone, tessili e lana fino al contrabbando degli stracci.

Il corso si svolgerà in italiano, con eventuali sottotitoli per le lezioni dei docenti internazionali e verrà erogato in due modalità: sincrona e asincrona. Se si raggiungerà il minimo di 8 iscritti, metà del corso sarà svolto attraverso la piattaforma online e metà preregistrate, con la possibilità di interfacciarsi nel primo caso direttamente con i docenti.

Per consultare il programma completo, clicca qui. Per iscrivervi al corso potete contattare formazione@amistades.info .

Condividi

Altre letture correlate: