Sfoglia la rivista online
Menu

Pubblicato il 7 Feb 2018 in In evidenza

Un somalo alla guida della Corte internazionale di giustizia

Un somalo alla guida della Corte internazionale di giustizia

Un giudice somalo al vertice della Corte internazionale di giustizia (Icj). Si chiama Abdulqawi Ahmed Yusuf ed è stato eletto al vertice dell’istituzione ieri. Il giudice somalo è stato nominato insieme ad altri quattro giudici e due giudici supplenti, che da quel momento in poi guideranno i processi portati davanti all’assise. La Corte internazionale di giustizia è il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite. Istituito nel giugno 1945, il tribunale stabilisce, in conformità con il diritto internazionale, le controversie legali che gli vengono sottoposte dagli Stati e fornisce pareri consultivi su questioni giuridiche a esso riferite dagli organi e dalle agenzie delle Nazioni Unite.

Abdulqawi Ahmed Yusuf è nato a Eyl, una città nel nord della Somalia nel 1948. Si è laureato nel 1973 presso la Somali National University e ha completato i suoi studi post-laurea presso l’Università di Firenze nel 1977 e all’Università di Ginevra. Da allora, Yusuf ha sempre lavorato per organizzazioni internazionali, prima come consulente legale e infine come giudice. All’Icj è arrivato nel 2009 e nel febbraio 2015 era stato nominato vicepresidente. Yusuf è un giurista di grande caratura. Ha fondato e ha diretto l’Annuario africano di diritto internazionale ed è anche uno dei fondatori della African Foundation for International Law, nonché presidente del suo comitato esecutivo. Inoltre, è autore di numerosi libri e numerosi articoli su vari aspetti del diritto internazionale, nonché di analisi sulla situazione politica del Corno d’Africa e della Somalia.

Succederà a Ronny Abraham di Francia come 25 ° presidente della Icj e sarà il terzo africano a detenere il titolo dopo Taslim Elias (1982-1985) e Mohamed Bedjaoui (1994-1997).