Sfoglia la rivista online
TwitterRssFacebook
Menu

Pubblicato il 9 Giu 2017 in Viaggi

Tanzania: l’eden di Ngorongoro

Tanzania: l’eden di Ngorongoro

Autentico santuario della natura, dichiarato Patrimonio dell’Umanità, Ngorongoro è la più grande caldera intatta del mondo (20 km di diametro), formatasi milioni di anni fa in seguito al crollo di un vulcano. Il cratere è considerato un vero e proprio eden terrestre, sia per la sua bellezza paesaggistica sia per l’incredibile concentrazione di animali che vi abitano (oltre venticinquemila).

Le sue pareti si ergono fino a 600 metri dalla piana e formano al loro interno un sofisticato ecosistema in cui si alternano aree di savana, paludi e zone aride semidesertiche (per un tour virtuale: ngorongorocrater.org).

Tanzania: l’eden di Ngorongoro

Sulla corona del cratere corre un’unica strada, sul versante meridionale, mentre quattro piste collegano l’interno (il percorso di discesa richiede circa 30 minuti in fuoristrada), dove si vedono enormi branchi di zebre e gnu ma anche elefanti, leoni (presenti con la popolazione a maggiore densità di tutta l’Africa), bufali, iene, sciacalli, ippopotami, babbuini, ghepardi nonché esemplari di specie rare come i rinoceronti neri e i leopardi.

Tanzania: l’eden di Ngorongoro

Innumerevoli le specie di uccelli attratte dalla riserva, che con i suoi numerosi specchi d’acqua costituisce un richiamo per la fauna migratrice: tra essi meritano una segnalazione particolare i fenicotteri, che qui costituiscono una delle colonie più numerose di tutta l’Africa. Per visitare in totale relax questo straordinario paradiso terrestre, conviene affidarsi all’esperienza di African Explorer, che organizza safari e soggiorni personalizzati: africanexplorer.com

(Marco Trovato)

Tanzania: l’eden di Ngorongoro

Tanzania: l’eden di Ngorongoro